Comunità Energetiche Rinnovabili

Le Comunità Energetiche Rinnovabili sono un nuovo concetto nel campo delle energie rinnovabili. In Italia stanno prendendo piede come soluzione innovativa per la gestione dell’energia e per la promozione di una transizione energetica più sostenibile. Per questo noi di Veil Energy non possiamo che apprezzare queste comunità, che diventano prosumer a tutti gli effetti.

Cosa sono le Comunità Energetiche Rinnovabili rinnovabili

Si tratta di un insieme di persone, aziende o enti pubblici che decidono di collaborare per produrre, consumare e gestire l’energia in modo sostenibile. In questo modo, si promuove l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e la riduzione dell’impatto ambientale.

Queste comunità funzionano grazie alla collaborazione tra i membri che ne fanno parte. Ogni membro contribuisce alla produzione di energia rinnovabile attraverso l’installazione di impianti solari fotovoltaici, turbine eoliche o altri sistemi di produzione. L’energia prodotta viene poi immessa nella rete elettrica locale, consentendo di alimentare le case e le attività della comunità stessa.

La situazione in Italia

In Italia, le Comunità Energetiche Rinnovabili stanno diventando sempre più popolari. Grazie a incentivi governativi e alla crescente consapevolezza dei cittadini sull’importanza della transizione energetica, sempre più persone e aziende stanno aderendo a questo nuovo modo di gestire l’energia.

Il Decreto Legge 199/21, insieme alle delibere 318/2020/R/eel ed 727/2022/R/eel  hanno stabilito le regole per la creazione e la gestione delle Comunità Energetiche Rinnovabili Rinnovabili in Italia, fornendo un quadro normativo chiaro e favorevole per la nascita di nuove comunità. Inoltre, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede un investimento di 2,5 miliardi di euro per la creazione di nuove Comunità Energetiche Rinnovabili, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030.

I vantaggi

Le Comunità Energetiche Rinnovabili offrono numerosi vantaggi sia dal punto di vista ambientale che economico. In primo luogo, la produzione di energia rinnovabile consente di ridurre le emissioni di gas serra e di promuovere una transizione energetica più sostenibile.

In pratica queste realtà permettono a un gruppo di persone di unirsi e diventare produttori e consumatori di energia elettrica. Grazie all’utilizzo di fonti rinnovabili come l’energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica, biomassa e biogas, questi gruppi possono produrre energia pulita per uso domestico o produttivo.

Ottimizzazione energetica e risparmio

Le Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) permettono di ridurre i costi energetici per i partecipanti, che possono beneficiare dell’energia prodotta a costi più bassi rispetto al mercato tradizionale. Tali partecipanti possono essere cittadini privati ma anche aziende e istituzioni, che riducono così la loro produzione di CO2.

Si tratta quindi anche un’opportunità per la partecipazione attiva dei cittadini alla transizione energetica, consentendo loro di diventare protagonisti della produzione e distribuzione dell’energia elettrica. Inoltre, la creazione di Comunità Energetiche Rinnovabili può portare alla nascita di nuove attività economiche e occupazionali, legate alla produzione e gestione dell’energia rinnovabile.

Le principali Comunità Energetiche Rinnovabili in Italia

In Italia, la crescita di queste realtà è ancora agli inizi, ma si registrano già importanti esperienze a livello locale. In particolare, alcune regioni come la Toscana, il Lazio e il Veneto, hanno avviato progetti pilota per la creazione di Comunità Energetiche, coinvolgendo le amministrazioni locali, le imprese e i cittadini. Secondo il rapporto di Legambiente 2021, sarebbero già venti le comunità di questo tipo sparse sul territorio nazionale.

Per la creazione e la gestione di una comunità energetica, è necessario avere conoscenze tecniche e normative specifiche. In Italia, esistono diverse organizzazioni e associazioni che possono fornire supporto e consulenza. Veil Energy si pone come facilitatore di questo nuovo modello di produzione e consumo di energia a livello locale, aziendale e globale, aiutando le comunità a ridurre gli sprechi e rimettere in circolo l’energia di scarto. e.boost, la nostra piattaforma per l’efficienza energetica dei sistemi prosumer, gestisce la Comunità Energetica Rinnovabile sempre nel punto di ottimo. Ad esempio quando c’è produzione di energia in eccesso da parte dell’impianto fotovoltaico, vengono accese la lavatrice, la lavastoviglie o la pompa di calore dei membri della CER in modo da utilizzare questa energia.